5 modi per migliorare la mobile experience

C’era una volta il “cellulare”, un accessorio hi-tech per ricevere ed effettuare chiamate, inviare SMS con un numero limitato di caratteri oppure MMS per trasmettere qualche immagine (tutto a pagamento). In pochissimo tempo si è evoluto in maniera esponenziale, talmente tanto da passare da un accessorio ad un’estensione del nostro corpo della quale non possiamo più fare a meno.

Oggi più che mai, siamo nell’era dello Smartphone, abbiamo accesso al mondo intero dal palmo della nostra mano. La tecnologia non si ferma, si evolve, si adatta e si trasforma, ma per avere un impatto positivo sulle nostre vite, l’utilizzo quotidiano di tale dispositivo deve essere più umano possibile. 

Durante l’emergenza COVID-19, i consumatori che non avevano mai utilizzato lo smartphone per fare acquisti, si sono ritrovati costretti (in alcuni casi) ad adeguarsi a causa dei vari lockdown e il distanziamento sociale, di conseguenza anche le aziende hanno dovuto far fronte a questo cambiamento da parte dei consumatori.

In uno studio condotto dall’agenzia di ricerca SKIM, sono state intervistati oltre 20.000 consumatori di 15 diversi Paesi in Europa, Medio Oriente e Africa, appartenenti a svariate categorie quali moda, elettronica di consumo, cura della persona e casa e giardino. Da questa ricerca è emerso che dallo smartphone, sette persone su dieci non hanno concluso l’acquisto perché la procedura sul sito era troppo difficile o frustrante. Su dieci consumatori che cominciano la ricerca sullo smartphone, quattro comprano su un altro canale (offline, app o desktop), mentre tre (il 30%) non completa l’acquisto. La velocità del sito e la mancanza di informazioni aggiornate sono diventati problemi più rilevanti rispetto al periodo precedente la pandemia. 

Sono dati allarmanti (ma allo stesso tempo incoraggianti) perché ci mostrano che c’è tanto margine di miglioramento e quindi numerose opportunità per ribaltare la situazione. E qui entrano in gioco 5 modi per migliorare la mobile experience, ovvero come migliorare l’esperienza del consumatore che naviga il tuo sito/app utilizzando lo smartphone.

1. Ottimizza le immagini

Ormai tutti i produttori degli smartphone fanno la guerra sulla qualità della fotocamera, arrivando addirittura a fare scatti da oltre 100 megapixel. Mentre può sembrare una caratteristica ottima (e per certi aspetti lo è, non lo mettiamo in dubbio), per un sito web non serve tutta questa qualità, anzi – considera che per stampare un poster 70x100cm di alta qualità basta una foto da 5MB – ovviamente lo stesso principio vale per chi scatta con le macchine fotografiche professionali. 

Lo sapevi che ogni singola immagine presente sul tuo sito deve essere scaricato dal server per renderlo visibile al consumatore finale? E quindi oltre che il tempo necessario per scaricarle, si consuma anche il suo traffico dati? 

Ricordiamoci che non tutti hanno accesso alla banda larga o ai GIGA illimitati, e considerando il momento storico che stiamo vivendo, probabilmente i nuovi consumatori cercano di acquistare anche beni di prima necessità.

Usa le immagini con parsimonia

Se vendi prodotti che non richiedono particolare attenzione da parte dei consumatori, come ad esempio uno spazzolino da denti, non serve pubblicare tante immagini e/o di grandi dimensioni.

Riduci le dimensioni

Cerca di mantenere le dimensioni del file sotto 500 KB, immagini oltre questa soglia sono considerati “pesanti” per il web. Riduci anche la larghezza ad un massimo di 2500 pixel sul lato più lungo.

Il 47% dei consumatori si aspetta che una pagina web venga caricata in 2 secondi o meno, mentre il 40% abbandona un sito web che impiega più di 3 secondi per caricarsi!

 

2. Rimuovi le distrazioni

Siamo tentati di mettere più informazioni possibili in una pagina web sperando di attirare l’attenzione del consumatore (banner, pubblicità, video, gallerie, social media) ma questa confusione crea solo frustrazione. Nella maggior parte dei casi, chi visita il tuo sito web ha già in mente cosa vuole o quanto meno si è fatto un’idea di cosa possa trovare, magari ci arriva da una ricerca o una campagna sui social oppure attraverso un consiglio di un amico, non importa, l’importante a questo punto è guidarlo verso il suo obiettivo: trovare ciò che cercava, tutto il resto è solo “rumore”.

Come vediamo dall’esempio, rimuovendo gli elementi non legati al contenuto della pagina, il consumatore sarà in grado di proseguire con estrema facilità, creando un’esperienza più fluida e positiva.

 

3. Controlla le aree cliccabili

Aumentare le dimensioni delle CTA (Call to Action) è qualcosa che non si applica solo ai siti per dispositivi mobili, ma ci sono alcuni passaggi che devi rispettare per gli smartphone, dato che le azioni del pollice sono molto meno precise delle azioni del mouse. Per questo motivo è buona prassi soddisfare i requisiti minimi richiesti da Apple e Android:

  • nella sua Human Interface Guidelines, Apple consiglia una dimensione minima di 44 pixel (px) in larghezza e 44 pixel in altezza, mentre nelle sua Material Design Guidelines Android suggerisce che i target tattili dovrebbero essere di almeno 48 x 48 dp (48px);
  • oltre a rispettare le dimensioni delle aree cliccabili, devono essere chiare e distinguibili, sia nelle forma che nel colore rispetto agli altri elementi in pagina. Utilizza possibilmente testi brevi e concisi e controlla che la destinazione sia coerente con quanto descritto sulla CTA

 

4. Fornisci tutte le informazioni

A nessuno piace ricevere spiacevoli sorprese alla fine di un percorso, meglio essere più trasparenti possibili anticipando le domande del consumatore.

Ricorda che nella versione mobile del tuo sito web c’è meno spazio, quindi è fondamentale posizionare correttamente notifiche importanti che riguardano eventuali problemi temporanei, come ad esempio un ritardo nelle consegne causate dal COVID-19. Questo tipo di informazione deve essere ben visibile, possibilmente nella testata e non nascosto da qualche parte nella pagina.

Oltre alle comunicazioni generali di servizio, è altrettanto importante fornire tutte le informazioni utili riguardo al prodotto/servizio che offri al consumatore, ad esempio la guida alle taglie, la disponibilità, tempi di consegna, eventuali costi di spedizione e così via. Posiziona con attenzione anche questi elementi e al momento giusto, l’obiettivo è rimuovere qualsiasi dubbio nel consumatore. 

Se rispettiamo queste semplici regole, sarà più difficile ricevere feedback negativi.

 

5. Ottimizza i moduli (form)

Uno degli ostacoli più grandi di un sito web sono i moduli. A nessuno piace riempire numerosi campi obbligatori, specialmente sullo schermo ridotto di uno smartphone; può risultare complicato e frustrante dove il margine di errore è elevato.

Possiamo migliorare l’esperienza utente e il rapporto con i moduli seguendo alcuni consigli:

  • utilizza la compilazione automatica dei campi dove possibile, recuperando i dati già inseriti precedentemente dai consumatori;
  • fai in modo che lo stato del campo attivo sia ben visibile e che il pulsante di invio sia abbastanza grande da attirare l’attenzione;
  • utilizza il tipo di input corretto per i vari campi (ad esempio – input type=”email”) – farà in modo che il sistema operativo, iOS o Android mostri la tastiera corretta e ottimizzata per l’inserimento di quel tipo di dato.

source: https://www.smashingmagazine.com/2018/08/ux-html5-mobile-form-part-1/

Conclusioni

Esistono vari modi per rendere il tuo sito web “mobile-friendly”. Tuttavia, prima di immergerti nell’utilizzo di questi metodi, è importante capire che l’idea di lanciare un sito ottimizzato per lo smartphone, è offrire una navigazione più semplice e una migliore esperienza. Assicurati di aggiungere solo elementi pertinenti al raggiungimento dell’obiettivo da parte del consumatore e di eliminare tutti i contenuti e pulsanti non necessari.

 

Lascia il tuo
commento