FinOps: stiamo affrontando il problema nel modo sbagliato.

Cambiare punto di vista affinché non sia più un problema di budget

Chi ha avuto esperienza nella gestione dei budget sa che questo è il risultato di un dato processo che fissa gli obiettivi aziendali più o meno a breve termine, ottimizzare i costi e investire nelle giuste aree ci consentirà di raggiungere gli obiettivi prefissati senza sprecare i soldi, ma spesso si tratta di un compito articolato. Dare una stima dei costi a priori, investire in aree che porteranno effettivamente valore sono solo alcuni esempi delle difficoltà che dovremo risolvere. Anche quando ci approcciamo alla gestione del cloud spesso possiamo avere difficoltà nella scelta del provider migliore, il servizio più efficiente e scontrarsi con modelli di pricing non sempre semplici da interpretare. In questa complessità il rischio è quello di focalizzarci più sull’ottimizzazione dei costi non portando la giusta attenzione ad aspetti importanti come la qualità o l’efficienza del servizio. Quando acquistiamo un servizio su cloud, soprattutto nel caso di pagamento a consumo, è estremamente difficile avere una previsione di spesa. Altro aspetto estremamente complicato è adottare dei modelli funzionali che consentano di attribuire i costi nel centro di costo corretto. Essendo le risorse cloud condivise, non sempre è possibile dare un taglio netto sulle competenze dei singoli centri di costo.

Il cloud visto sotto questa luce è ingombrante, difficile da far digerire a chi gestisce i budget e sembra davvero che non ci sia altra soluzione che parlare di ottimizzazioni, controllo di budget e implementazione di strategie per il contenimento della spesa.

Messa così, stiamo giocando una partita persa in partenza. Stiamo lavorando solo sulla componente di costo, che per ogni imprenditore che si rispetti è solo una faccia della medaglia. Chiunque sarebbe disposto a spendere tanto se poi quell’investimento avesse un ritorno commisurato. In questo articolo scopriremo proprio questo: come è possibile focalizzare l’attenzione sulle opportunità e sui costi piuttosto che su una mera discussione finanziaria.

Questo articolo ti permetterà di comprendere le dinamiche di ricavo per mettere in atto politiche di saving volte a massimizzare l’investimento piuttosto che limitarsi a tagliare i costi.

Perché ci spaventano i costi del cloud?

Nel corso degli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita dei servizi offerti dal cloud e un incremento dei vendor che offrono questa tipologia di servizio, creando così una concorrenza sui prezzi a livello di mercato globale. Ogni vendor ha il suo modello di pricing dei servizi offerti e spesso per un cliente (che vuole minimizzare i propri costi) è complicato individuare il modello che più gli si addice andando ad ottimizzare la qualità del servizio.
Tra i principali modelli di pricing abbiamo:

  • Pay-per-use: il prezzo imputato dipenderà dal tempo e dal numero di risorse utilizzate. Nel caso più semplice potremmo acquistare delle risorse fisse ad un costo fisso (ad esempio acquisto un server con pagamento mensile fisso) indipendentemente dal suo utilizzo o meno. Altra possibilità è data dal pagare le risorse in base al suo effettivo utilizzo (ad esempio posso pagare una quota per ogni chiamata api). Benché possa risultare tra i modelli più convenienti per i clienti può risultare estremamente complicato calcolare una stima dei costi a priori
  • Pay-per-users: il prezzo imputato è fisso per utente con fatturazione normalmente mensile o annuale. In questo caso il costo è certo, ma potrebbe essere meno economico rispetto al precedente.
    Spesso è necessario acquistare prodotti con differenti modelli di pricing rendendo estremamente complicato individuare un budget certo in fase di acquisto.

La strada del risparmio

Come abbiamo visto nel precedente paragrafo dare una stima dei costi del cloud può essere difficile, ma possiamo adottare metodologie di controllo e risparmio come le seguenti:

  • Arrestare le risorse non utilizzate: può sembrare banale ma, senza un adeguato monitoraggio, potremmo andare a sprecare soldi su risorse non più necessarie. Con un’infrastruttura cloud è sempre possibile ottimizzare le risorse effettivamente necessarie andando ad accendere e spegnere solo quelle necessarie senza vincoli contrattuali di durata.
  • Scegliere le dimensioni appropriate: è possibile fare un’analisi delle risorse sottoutilizzate ed andare a ridimensionare il servizio. In fase di acquisto di un nuovo servizio è fondamentale aver dato una stima del carico di lavoro da sostenere in modo da non acquistare servizi sovradimensionati
  • Prenotare istanze dedicate: nei casi in cui sappiamo per certo che abbiamo bisogno di un determinato volume di risorse per un certo tempo è possibile ottenere degli sconti acquistando risorse dedicate, questo permette di fare saving a scapito della flessibilità di ridurre le risorse senza costi.
  • Hybrid/Multi Cloud: in base ai servizi necessari è molto probabile che la soluzione più economica coinvolga più vendor o tipologie di cloud. L’Hybrid Cloud fornisce una soluzione intermedia tra i due estremi, ossia tra le massime economie di scala ottenibili con l’adozione del public cloud e le economie di scala più contenute raggiungibili applicando il paradigma del private cloud. Il Multi Cloud fornisce una soluzione per poter scegliere la soluzione ottimale per l’azienda dal vendor più adatto andando inoltre a ridurre il rischio di lock-in da parte del cloud provider.
  • Budget e addebiti su centro di costo dedicato: organizzare budget e centri di costo consente di facilitare il monitoraggio dell’andamento dei costi consentendo di far emergere più velocemente eventuali problemi

In definitiva, applicare le giuste strategie ci può aiutare a spendere bene e, talvolta, a spendere meno. Risparmiare poi è tutto un altro concetto. Dietro il saving (o spendere meno, se vogliamo dirla all’italiana) si nasconde anche una possibile riduzione del ritorno. Ad esempio, se compro un utilitaria invece che una Ferrari spendo molto meno, ma siamo sicuri che otterrò le stesse prestazioni?

Ecco quindi che, oltre ad una doverosa attenzione lato costo (i soldi non vanno mai buttati), bisogna lavorare soprattutto lato ricavi per acquistare i servizi giusti e far percepire il valore che torna da una determinata spesa. Per fare questo dovremo lavorare su fattori culturali e spingere verso una visione olistica del cloud che molto spesso l’azienda non accoglie come dovrebbe. Vediamo adesso quali elementi sono importanti da condividere per facilitare la giusta percezione del valore.

Il valore del cloud

Andiamo a vedere quali sono i vantaggi del cloud e che giustificano l’investimento su di esso anche a fronte di costi maggiori o incerti.

Flessibilità

Grazie alla scalabilità on-demand dell’infrastruttura cloud è possibile supportare carichi di lavoro variabili. Questa maggiore flessibilità rispetto ad un’infrastruttura on premise è uno dei vantaggi del cloud più apprezzati. Inoltre consente alle imprese di liberare risorse e capacità, umane ed economiche, dalla gestione dell’infrastruttura nell’ottica di focalizzarle nel promuovere nuovi progetti digitali innovativi, così come offrire miglior supporto al business e di promozione di nuovi modelli operativi.

Efficienza

Un altro dei vantaggi del cloud è quello di consentire alle aziende e alle organizzazioni di accedere alle infrastrutture IT in modo nuovo, prescindendo dal concetto di possesso e di investimento, in quanto non sarà più necessario sostenere i costi relativi all’hardware e del personale necessario alla manutenzione .
Un’altro vantaggio effettivo è rappresentato, grazie alla flessibilità del cloud, nel velocizzare l’immissione nel mercato di nuove soluzioni.

Valore strategico

Dato che i vendor cloud si occupano dell’erogazione, della qualità, della certificazione, della sicurezza base dei servizi, ci possiamo concentrare solo su aspetti più importanti come lo sviluppo di nuove soluzioni o altre iniziative business.
Essendo disponibile a livello globale, l’infrastruttura consente di poter organizzare le attività in team distribuiti andando ad abbattere la necessità di avere risorse localizzate.
Infine avendo un’infrastruttura completamente managed non ci dobbiamo preoccupare di dover pianificare aggiornamenti avendo a disposizione sempre la tecnologia più aggiornata.

Sicurezza dei dati

Imprese di ogni dimensione dovrebbero investire seriamente in strumenti di Disaster recovery e protezione dei dati, ma per la imprese più piccole, a causa della mancanza di capitali e di esperti, ciò è spesso più un sogno che una realtà esponendoli a rischi non calcolati (come la perdita o il furto di dati). Per quanto riguarda le Aziende più grandi spesso il tema della sicurezza non è percepito con l’adeguata importanza. Avendo a disposizione servizi cloud che facilmente gestiscono i backup o la ridondanza dell’infrastruttura, un malfunzionamento hardware non si trasforma in perdita dei dati o interruzione del servizio. Ecco quindi che anche aziende con budget IT limitato possono raggiungere i giusti standard di qualità senza investimenti ingenti, delegando buona parte delle responsabilità al vendor.

Alla luce di quanto detto in questo paragrafo, la domanda da farsi non è “quanto mi costa” ma “quanto mi costerebbe non farlo”. Nel prossimo paragrafo proveremo ad affrontare il problema dal punto di vista opposto a quello canonico, identificando i costi della mancata adozione del cloud.

Quanto mi costa non avere il cloud?

Se scegliamo di non investire sul cloud, a che tipo di problematiche dovremo prepararci?

Vediamo alcuni esempi:

  • Prestazioni non adeguate: stimare a priori il dimensionamento di un’infrastruttura è estremamente complicato e non sempre è possibile essere precisi. Una volta definita un’infrastruttura, se ci accorgiamo che non è sufficiente per soddisfare il carico richiesto, sarà necessario investire tempo e risorse per poter rimediare al problema. Nel lasso di tempo necessario per adeguare l’infrastruttura potremmo andare incontro a down del sistema con conseguente perdita di ricavi.
  • Manutenzione: la manutenzione costa, ed avere un’infrastruttura proprietaria non manutenuta costa ancora di più. E’ necessario investire in risorse e persone per poter avere una manutenzione adeguata che ci consenta di esporre i servizi in sicurezza. Inoltre a meno che il core business dell’azienda sia vendere servizi cloud, gli obiettivi aziendali saranno altri e non ci sarà interesse nell’investire nell’acquisizione delle competenze necessarie per la manutenzione, in tal caso è più opportuno acquistare un servizio completo (garantendo un livello di qualità adeguato) che mantenerla internamente.
  • Costi fissi iniziali: creare un’infrastruttura ha un costo elevato in fase realizzativa. E’ necessario investire sull’acquisto dell’hardware, personale per la realizazione, avere un ambiente adeguato, etc… In pratica è possibile trasformare investimenti CapEx in OpEx, alleggerendo i costi di struttura e focalizzando le finanze là dove serve di più al business
    Tempi di realizzazione: per realizzare un’infrastruttura è necessario investire molto tempo. E’ necessario pianificarne il dimensionamento, mettere in atto le attività di realizzazione, testare che tutto sia apposto. Tutto questo tempo ha ovviamente un costo che si ripercuote anche nell’allungamento del time to market nella realizzazione di nuove soluzioni business.

Conclusioni

Il cloud ha rappresentato una vera rivoluzione nel mondo business che ha permesso l’accelerazione dello sviluppo e la riduzione del time to market a tutti i livelli.
Come abbiamo visto, affrontare il percorso di adozione del cloud può essere difficoltoso, dovendo affrontare modelli di pricing complessi e costi non certi. Questo però non ci deve spaventare, il costo è solo una piccola parte di un ecosistema molto più grande che porta con sé innumerevoli vantaggi. Sulla bilancia dobbiamo dare un consistente peso anche a quanto ci costerebbe a livello di opportunità non adottare il cloud, rinunciando ad un possibile investimento con ritorni importanti.
Per chi lavora nel mondo dell’IT i vantaggi del cloud sono evidenti, con un click possiamo avere un’infrastruttura o un servizio pronti al suo utilizzo senza doversi preoccupare di lunghi e faticosi processi di adozione e configurazione. Questo porta ad una notevole concentrazione sugli aspetti importanti.

Related Posts

Web usability: il successo di un sito web inizia da qui

Chiarezzacoerenzanavigazione semplice ed efficacecapacità di concentrarsi sulle esigenze e...

CONTINUE READING

L’importanza degli Audit nelle strategie aziendali

 

CONTINUE READING

AR4Business: il progetto per il presidio strategico delle aziende sui mercati d’interesse

CONTINUE READING